All for Joomla All for Webmasters
Sabato, 20 Ottobre 2018

M Motori

Mercato Auto: il Diesel continua a vendere

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Auto Diesel o benzina? I recenti studi, che vedrebbero la “scomparsa” delle auto diesel intorno al 2030, intimoriscono le scelte degli italiani. Del resto, già alcune città italiane come Milano e Roma, seguendo l’esempio dei colleghi europei, si sono mosse a porre alcuni veti. Nel capoluogo meneghino è previsto lo stop ai diesel Euro 4 dal 2019 e degli Euro 6 dal 2025. Mentre nella capitale il sindaco Virginia Raggi ha annunciato il divieto allo spostamento in centro di tutti i veicoli a gasolio. Dubbi anche tra gli stessi produttori automobilistici. L’ultimo di una lunga lista è Nissan. Il costruttore nipponico, seguendo l’esempio del gemello Toyota, ha annunciato lo stop alla produzione di autovetture diesel in Europa. Per concentrarsi sullo sviluppo di auto elettriche e seguire l’inerzia di un mercato inesorabilmente cambiato. Questa è però soltanto una faccia della medaglia. Perché almeno nel Bel Paese il Diesel continua a tirare eccome e rappresenta ancora la prima scelta degli italiani quando si tratta di comprare un’auto. Tanto più quando quando si tratta di approcciarsi con il mercato dell’usato, che sembra non tramontare mai. I dati sono stati resi noti da AutoScout24. Il portale di annunci auto e moto ha voluto analizzare il mercato delle auto Diesel, nuove e usate, e le abitudini di acquisto degli italiani. Inoltre, da un paragone con quanto accade in Germania, sono emerse alcune interessanti differenze. Intanto in Italia soltanto il 15% degli intervistati che erano orientati sul Diesel ha affermato di aver cambiato idea. E quando è accaduto è stato a causa delle presenti o possibili limitazioni alla loro circolazione. E preferendo al suo posto modelli a benzina nel 36% dei casi, a GPL (23%) o ibridi (19%). Quasi due terzi del campione non si è lasciata però influenzare dalla campagna mediatica contro il Diesel. Al punto che oltre la metà delle persone ha detto che continuerà ad acquistare veicoli a gasolio entro il 2018. Motivi e credenze, la maggior robustezza e durata, più coppia motrice e prestazioni competitive. In pratica soltanto il 26,1% si mostra propenso a comprare vetture a benzina. Il prezzo alla pompa non mostra più grandi vantaggi, ma quel poco conta. In ogni caso, indipendentemente dall’auto che si guida abitualmente, soltanto il 15% ritiene che le restrizioni normative abbiano reso meno conveniente l’alimentazione a gasolio. Sebbene quasi tre persone su dieci (31,1%) dichiarano che l’acquisterebbero soltanto a un prezzo vantaggioso. Tra i costruttori c’è chi annuncia futuri stop ai Diesel, ma neppure questo conta molto. Nel nostro Paese, si registra nel primo trimestre del 2018 una crescita del +8% delle richieste di auto usate rispetto allo scorso anno. Mentre sul nuovo, seppur in flessione, il Diesel continua a mantenere la quota dominante. In un anno si è infatti passati dal 58,4% al 52,8% di vendite di vetture a gasolio. Lo rivela l’Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri, secondo cui i motori a benzina si fermano invece al 34,3%. Dove le prospettive poco rosee sul mercato dei motori a gasolio hanno invece determinato le scelte dei consumatori è la Germania. Come una diretta conseguenza, secondo i dati resi noti dall’autorità federale tedesca per i trasporti, dall’aprile 2017 all’aprile 2018 le vendite sono diminuite del 12,5%. Con una quota sul totale che si riduce al 33,4%, in calo del 7,9%. Mentre i motori a benzina rappresentano il 61,6%, in aumento del 5,7%.

Redazione: Via Carlo Emery, 47 00188 Roma

Tel/Fax 065000975

 

Search

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information