All for Joomla All for Webmasters
Sabato, 16 Novembre 2019

N News

Visti da Vicino: Speciale Sandro Morgana

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Puntata tutta siciliana per ‘Visti da Vicino’ che ha fatto tappa a Palermo, per un’intervista speciale a Sandro Morgana, Vice Presidente LND e Delegato del Dipartimento Calcio Femminile, che ci ha aperto le porte di casa  di sua figlia. In uno scenario magnifico, con un panorama mozzafiato sul Golfo di Sferracavallo non potevamo non partire dal suo rapporto con questa magnifica terra: “Per lavoro sono spesso fuori – ha spiegato Morgana - specialmente lontano da Caltanissetta che è la mia città. Il legame con la Sicilia è comunque indissolubile, non vedo l’ora di tornare, la mia sicilianità è l’attaccamento a questa terra, ai suoi valori, alla sua cultura, a ciò che ne ha contraddistinto la storia. E’ una regione che ha sicuramente tanti problemi, ma ha una grande natura, il Signore ci ha regalato qualcosa di meraviglioso che dovremmo imparare a sfruttare meglio. Quanto alla mia famiglia, il sostegno di mia moglie e di mia figlia è fondamentale, soprattutto nei momenti difficili. Mia moglie è insegnante, laureata in fisica, ha una vita molto impegnata ma mi ha sempre capito, mi è sempre stata vicino, io la definisco presenzialista ma non interventista”.  In tanti anni al servizio del calcio regionale viene da chiedersi se ci siano stati mai problemi con la mafia: “Sinceramente non ne abbiamo mai avuti, ma perché abbiamo sempre fatto riferimento con grande forza ai valori dell’etica e della trasparenza e non aprendo mai spazi o possibilità di interlocuzione non si sono mai avvicinati”. Nella vita di Sandro Morgana un importante incontro è stato invece quello con il calcio femminile, movimento con il quale è scoccata la scintilla “Mi ha colpito, prima di tutto, il fatto che non ci credesse nessuno, quindi diventava quasi una scommessa e in questa scommessa ho messo tutto me stesso, poi mi ha colpito l’approccio delle donne all’attività sportiva che trovo molto più corretto e leale, per concludere credo che questo sia il momento giusto perché il calcio femminile possa avere una svolta e questo dipende da noi, dalle cose che sapremo fare e  promuovere. Ci sono tutte le condizioni, dobbiamo fare in modo che si concretizzino”.  In questa puntata speciale non è stato solo il Vice Presidente Morgana a raccontarsi, ma lo hanno fatto anche sua moglie Francesca e sua figlia Valentina, avvocato penalista: “Mio marito ha sempre voluto fare sport – ha spiegato la signora Francesca -  ed io ho sempre condiviso questa sua passione, ormai sono 40 anni che ci conosciamo e viviamo insieme. E’ una passione che lo tiene fuori tanto ma gli dà anche tante nuove soddisfazioni, tante conoscenze e nuovi incontri e dal punto di vista umano è un’esperienza bellissima”. “Mio padre è la mia roccia – ha esordito Valentina - è tutto per me. Sono cresciuta con lui e grazie a lui, è vero che spesso è lontano ma lo è solo fisicamente, in realtà è sempre vicino a me e qualsiasi cosa lui c’è subito. Noi condividiamo tutto, dalla mia passione nei confronti del mondo giuridico, la mia tesi è stata una tesi di diritto sportivo perché sapevo che mi avrebbe aiutato nel percorso. Io sono cresciuta a pane e sport e pane e politica, ho sempre seguito le sue passioni, ma lui mi ha fatto capire che pur condividendo molto io dovevo avere la mia strada. Quando ero piccola guardavamo insieme la tv, film e cartoni, se io dovessi pensare a un mio futuro come mamma mi piacerebbe essere come mio padre è stato con me. Un ricordo particolare che mi lega alla mia famiglia si riferisce al concetto di tradizione. Mi hanno tramandato l’importanza di andare nel luogo dove sono i nostri defunti, mi ricordo la mattina dei morti andavamo a Sommatino, un piccolo paese vicino Caltanissetta e poi ci fermavamo lì a mangiare. Io ogni volta che si avvicina questa ricorrenza la vivo come un momento di attaccamento alla famiglia e adesso che ho una mia famiglia cerco di trasmettere questo attaccamento alle tradizioni”. Per Sandro Morgana il ricordo indelebile è invece un altro: “Non dimenticherò mai il giorno in cui mia moglie uscì dalla sala parto. Mentre parlava mia moglie l’ascoltavo con attenzione come faccio sempre, quando parla Valentina invece mi emoziono subito.  Sono molte diverse, Valentina è come me un capricorno molto istintiva, determinata, forte. Francesca è un toro, ha altre caratteristiche ma per noi rappresenta l’unità della famiglia”.  Non potevamo non concludere la puntata con l’augurio di Valentina e della signora Francesca al Vice Presidente Morgana:  “Di continuare a fare ciò che a lui piace – ha spiegato la moglie - con la sua solita correttezza, perché lui è sempre stata una persona onesta che ha tenuto alla lealtà e i rapporti umani!” Queste invece le parole si sua figlia: “Gli auguro un futuro pieno di  ulteriori soddisfazioni, che siano quelle che il suo cuore desidera, anche se non necessariamente quelle  che si aspetta, perché spesso al vita apre ulteriori orizzonti che non possiamo prevedere.  Siccome mio padre è una persona tosta sono certa che il futuro gliene regalerà molte altre”.

Redazione: Via Carlo Emery, 47 00188 Roma

Tel/Fax 065000975

 

Search

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information