All for Joomla All for Webmasters
Martedì, 26 Settembre 2017

F Femminile

Serie A "I dolci sapori": c'è più gusto nel calcio

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Non c'è che dire che il claim associato alla nuova Serie A femminile è venuto semplice, grazie al nuovo sponsor. E infatti abbiamo deciso di inserirlo nel titolo di questo pezzo. Uno sponsor, già. Questa sicuramente è stata una delle maggiori novità che hanno caratterizzato la mattinata al Bar del Tennis del Foro Italico a Roma, dove il calcio femminile l'ha fatta da padrone. Alla presenza delle massime cariche del calcio e dello sport italiano si è dato ufficialmente il via alla nuova stagione di calcio in rosa. Serie A che sarà accompagnata da "I dolci sapori", azienda di pasticceria presente sul mercato addirittura dal 1947, che ha voluto investire nel movimento in rosa. L'amministratore delegato Matteo Pinciroli ha parlato di "Emozioni, valori cardine dello sport che nel calcio femminile troviamo ancora presenti e che magari in altri contesti si sono un po' persi. E' con il cuore pieno di gioia che intraprendo questa avventura". Raggianti il presidente della LND Cosimo Sibilia e il vicepresidente con delega al calcio femminile Sandro Morgana. Entrambi stanno facendo tanto per il movimento in rosa e la splendida riuscita della giornata odierna dà fiducia per il futuro: "Stiamo portando avanti un gran lavoro - dice il numero uno dei dilettanti - e vogliamo fare sempre di più". Gli fa eco Morgana: "L'anno scorso questa sala non era di certo così gremita, e ci auguriamo che il prossimo sia ancora più piena. Quest'anno saranno ben cinque le società professionistiche ai nastri di partenza della Serie A (Fiorentina, Juventus, Sassuolo, Empoli e Chievo Verona), e il prossimo anno arriveranno anche Inter e Milan e speriamo la Roma. Non dobbiamo avere paura di queste nuove realtà che hanno una capacità di spesa molto più elevata di quello a cui eravamo abituati. La strada è stata tracciata, e crediamo di aver imboccato il sentiero giusto". Il presidente del CONI Malagò ha speso parole di grande elogio per il calcio femminile: "Era ora che si creasse tutto questo interesse. A me sta molto a cuore questa disciplina e mi auguro di vedere colmato il gap con le realtà del Nord Europa presto", così come il presidente della Federcalcio Carlo Tavecchio, che al di là delle parole di circostanza ha fissato il prossimo obiettivo: "Dobbiamo concentrarci sulle giovanili. Dobbiamo allargare la base. Ora dopo l'Under 12 professionistica non c'è nulla, dobbiamo creare i campionati successivi". L'anno scorso, in questa stessa circostanza, si respirava un'altra aria. C'era disillusione, la convinzione che le cose non sarebbero mai cambiate. Adesso, invece, i volti sono di tutt'altro tipo. Più sorrisi, più speranza di vedere finalmente sbocciare un fiore a cui serviva solamente un po' di luce in più.

Redazione: Via Carlo Emery, 47 00188 Roma

Tel/Fax 065000975

 

Search

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of this site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information