Motori

OPEL: 100 anni fa, la prima corsa automobilistica sull’Opel Rennbahn

Circa 100 anni fa si svolse la prima competizione automobilistica sull’Opel Rennbahn. Sono in tanti a rivendicare il titolo di “prima corsa in assoluto”, ma il primo evento ufficialmente documentato finora è il “1. Wiesbadener Automobil-Turnier” (primo campionato automobilistico di Wiesbaden) che si svolse qui il 21-22 maggio 1921. Grazie agli appassionati di simulazioni automobilistiche e a internet, oggi possiamo rivivere lo stesso evento.

Secondo gli articoli dell’epoca, il “1. Wiesbadener Automobil-Turnier” prevedeva 12 competizioni per automobili e motociclette su diverse distanze, fino a un massimo di 90 chilometri. I veicoli Opel, a due e quattro ruote, parteciparono alla maggioranza delle corse, con Fritz von Opel – nipote di Adam, fondatore dell’azienda – e il pilota ufficiale Opel Carl Jörns. Al volante della Opel 14 PS, Jörns registrò due vittorie di gara mentre una andò a von Opel – che raggiunse una velocità media di 113 km/h. La prevista 13a corsa dedicata ai tentativi di record per automobili e motociclette dovette essere cancellata a causa dell’“irresponsabile comportamento degli spettatori”!

Nei primi anni Venti del secolo scorso, l’Opel Rennbahn era il circuito automobilistico più veloce d’Europa. La pista, situata a pochi chilometri a sud di Rüsselsheim, era lunga 1,5 km, stretta e aveva curve in forte pendenza. Le precauzioni di sicurezza erano praticamente assenti. A differenza dei circuiti moderni, le barriere protettive non esistevano, neppure le superfici di ghiaia e le ampie aree di fuga per fermare o rallentare le vetture in caso di uscita di pista. Gli spettatori assistevano alle gare stando semplicemente in piedi ai bordi del percorso, senza protezioni. Oggi è possibile rivivere alcune delle emozioni delle corse dell’epoca grazie a un video postato di recente su YouTube.

Utilizzando il software di simulazione “Assetto Corsa” e l’intelligenza artificiale (AI), lo YouTuber “GP Laps” ha creato una corsa virtuale e un modello 3D del Rennbahn, costruito negli anni Venti da Thomas Lächele. I dettagli sono estremamente realistici, dalle tribune agli spettatori alle pubblicità a bordo pista, fino al suono dei motori e ai loghi dei marchi dipinti sulla superficie di gara.

A giudicare dagli entusiastici commenti su YouTube, l’ovale Opel virtuale è unico e risulta dei circuiti più belli del mondo del sim racing. Il vero “Opel Rennbahn” fu il primo circuito di questo tipo in Europa continentale e fu realizzato molto tempo prima del Nürburgring, dell’AVUS di Berlino o dello Hockenheimring. Fu costruito da Opel nel 1919 quando divenne impossibile continuare a condurre i test sulle strade pubbliche (un’attività detestata dalla popolazione locale). Grazie alla configurazione ovale, ai 12 metri di larghezza e alle curve ripide e inclinate di 32 gradi, era possibile raggiungere velocità medie fino a 140 km/h.

Propulsione a razzo: “Raketen-Fritz” provò la Rak 1 sull’Opel Rennbahn

Il circuito ospitò corse per biciclette, motociclette e automobili e nei momenti di maggior popolarità attirò fino a 50.000 spettatori. Tra i coraggiosi partecipanti vi furono famosi piloti dell’epoca, come Rudolf Caracciola.

Opel continuò a utilizzare il circuito anche per provare nuovi modelli e per progetti speciali tra cui spiccano le spettacolari prove condotte da Fritz von Opel con la “Rak 1” a razzi nell’aprile del 1928, che gli consentirono di fregiarsi del nomignolo di “Raketen-Fritz” (Fritz uomo razzo).

A partire dagli anni Trenta del secolo scorso, con il rapido sviluppo delle competizioni automobilistiche e l’inaugurazione di circuiti come Nürburgring, AVUS e Hockenheimring, il numero di competizioni organizzate al “Rennbahn” diminuì. Il circuito venne abbandonato nel 1946 senza tuttavia essere demolito.

Oggi i resti del “Rennbahn” sono un “technisches Kulturdenkmal” (monumento alla tecnica). La maggior parte del circuito è ora coperta da alberi, siepi ed erba, ma i resti delle curve sono ancora visibili. Dal 2013 è stata installata lungo un tratto del circuito una piattaforma riservata ai visitatori con cartelli informativi.

Back to top button
Consent management powered by Real Cookie Banner