MotoriSport

DS: un successo per il 79° Open d’Italia. Riflettori puntati sulla gamma E-Tense

Dopo il successo riscosso lo scorso anno, il marchio premium DS Automobiles, Main Sponsor della Federazione Italiana Golf, è stato protagonista all’Open d’Italia 2022, in qualità di Title Sponsor. Giunta alla 79° edizione, la competizione è la più importante a livello nazionale, oltre che una straordinaria vetrina di eleganza, sportività e autentico spirito green. A vincere il prestigioso torneo è stato Robert MacIntyre.

A fare da cornice alla manifestazione, conclusasi ieri a Roma, lo storico “Marco Simone Golf & Country Club”, una location suggestiva che ha ospitato una selezione della gamma DS Automobiles E-TENSE composta DS 3 CROSSBACK, dall’elegante berlina DS 9, dalla premiata e bellissima Nuova DS 4 e dall’audace Nuovo DS 7. Sinonimo di efficienza e rispetto ambientale, l’offerta E-TENSE ha catturato l’attenzione del pubblico e ha messo in risalto la volontà del Brand di essere leader della mobilità elettrica e sostenibile, senza mai rinunciare alla raffinatezza e alle performance che da sempre lo caratterizzano.

In particolare, i riflettori sono stati puntati sul Nuovo DS 7 E-TENSE, l’unico del segmento a proporre tre motorizzazioni ibride plug-in con 225, 300 e 360 cavalli. Il nuovo SUV firmato DS Automobiles è caratterizzato da un comfort impareggiabile e da propulsori elettrificati e unisce competenza tecnica ed eleganza, proponendosi come la più alta espressione dell’arte di viaggiare alla francese fatta di raffinatezza, materiali nobili a bordo e tecnologia d’avanguardia. Dunque, l’audace Nuovo DS 7 E-TENSE incarna perfettamente i valori del brand che ha l’obiettivo d’incarnare il savoir-faire francese del lusso nell’industria automobilistica.

Al prestigioso evento era presente anche il partner di DS, Free2move eSolutions: la joint venture tra Stellantis e NHOA che ha l’obiettivo di diventare leader nella progettazione, sviluppo, produzione e distribuzione di prodotti e servizi per la mobilità elettrica. I dispositivi di ricarica utilizzati nell’occasione sono state le eProWallbox, che offrono un’elevata flessibilità in termini di funzionalità e costi adattandosi alle necessità di energia (da 7,4 kW fino a 22 kW) e velocità di ricarica, in modo da guidare la transizione verso nuove forme di mobilità elettrica oltre che contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2.

Back to top button
Cookie Consent with Real Cookie Banner