Racing

Formula 1, GP Bahrain: a Sakhir vince Hamilton, Leclerc arriva sesto

La Formula 1 riparte da un successo di Lewis Hamilton in Bahrain, ma la musica in parte sembra cambiata. Il britannico trionfa ma stavolta ha dovuto lottare fino all’ultimo per tenere dietro uno scatenato Max Verstappen, costretto a restituire la prima posizione da Hamilton che aveva superato a due giri dal termine perche’ aveva effettuato un sorpasso probabilmente irregolare. Il sorpasso dell’olandese su Lewis è avvenuto con il superamento del limite della pista, track limits appunto. La questione diventa controversa se si considera quanto stabilito dai commissari FIA: possibile andare oltre il limite in curva 4 senza subire sanzione e cancellazione del tempo, ma dall’azione non si deve trarre vantaggio. Completa il podio in terza posizione Valtteri Bottas, fuori dai giochi fin dall’inizio e penalizzato anche da un problema al secondo pit stop. Il finlandese precede sul traguardo la McLaren di Lando Norris e la seconda Red Bull di Sergio Perez, autore di una rimonta capolavoro dopo essere scattato dalla pit lane per un improvviso blackout sulla sua RB16B durante il giro di formazione. Sesta posizione invece per Charles Leclerc, anche lui protagonista nelle fasi iniziali con un bel sorpasso nel primo giro su Bottas, mentre Daniel Ricciardo, Carlos Sainz, Yuki Tsunoda completano la Top-10. Fuori gioco per un problema ai freni Fernando Alonso, dopo essere stato in piena battaglia nella zona punti. Delude, invece, Sebastian Vettel, che tampona Esteban Ocon nelle battute finali del Gran Premio. Subito eliminato Pierre Gasly, che ha perso l’ala anteriore in un contatto con Norris nelle prime fasi. Malissimo le Haas: Nikita Mazepin si gira e va a muro in curva 2, Mick Schumacher va in testacoda poco dopo e chiude solo davanti a Gasly. Una Ferrari dei piccoli passi, una rossa che convince in prova ma in gara deve subire ancora i rivali, anche se in maniera meno pesante rispetto all’anno scorso. In Bahrain ci sono stati degli aspetti positivi, segno del lavoro svolto a Maranello, che meritano essere approfonditi. Ad esempio la qualifica di Leclerc ha mostrato una Ferrari più competitiva. Il sesto posto finale di Leclerc e l’ottavo di Sainz sono positivi senza dubbio, ma manca ancora molto per la vetta della classifica. Infatti, Perez era partito dai box eppure ha saputo risalire fino alla quinta piazza, scavalcando Leclerc nelle battute finali di gara. Norris con la McLaren ha domato il monegasco dopo un bel duello e ha concluso quarto, mentre Ricciardo, con la seconda McLaren, è rimasto dietro la Ferrari senza avere il passo giusto.  La F1 2021 ha preso il via il 28 marzo in Bahrain per concludere l’annata sul circuito di Abu Dhabi a metà dicembre. Nel mezzo un calendario fittissimo con la novità del Gp d’Arabia Saudita e la conferma per Imola. I gran premi in Italia, dunque, saranno due con la gara di Monza a metà settembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Consent management powered by Real Cookie Banner