Sport

AZZURRI: il fallimento e la mancata qualificazione ai Mondiali in Qatar

L’Italia di Roberto Mancini subisce una sconfitta che resterà nella storia come la pagina sportivamente più brutta della Nazionale di calcio italiana, e saluta Qatar 2022 prima ancora di andarci.

Dopo il successo in estate nel Campionato d’Europa, le aspettative degli Azzurri e dei tifosi erano altissime, ma fin dalle prime partite si era capito che la storia sarebbe stata ben diversa. Per andare direttamente ai Mondiali occorreva arrivare primi nel girone, ma così non è stato. Gli azzurri, infatti, hanno chiuso con 16 punti all’attivo, frutto di 4 vittorie e altrettanti pareggi, dietro la Svizzera con 18 punti che ha staccato il pass verso il Qatar.

La Nazionale di calcio è stata battuta 1-0 dalla Macedonia del Nord nel primo turno degli spareggi di qualificazione, e con la sconfitta, l’Italia campione d’Europa, è stata eliminata dai playoff e non andrà ai Mondiali per la seconda edizione consecutiva, dopo aver perso quelli in Russia di quattro anni fa, che ha visto le dimissioni dell’ex presidente della FIGC Carlo Tavecchio.

Allo stadio Barbera di Palermo la Macedonia ha segnato il gol decisivo nei minuti di recupero con Aleksandar Trajkovski, ex attaccante del Palermo, nell’unico tiro in porta della partita, dopo essere rimasta chiusa in difesa per tutti i 90 minuti. Su oltre trenta tiri effettuati dall’Italia, però, soltanto cinque sono finiti in porta, e sempre con azioni confusionarie e frettolose. La sconfitta è stata completamente inaspettata e va contro ogni pronostico. A differenza della mancata qualificazione di cinque anni fa, che arrivò con una squadra in crisi e un allenatore dimissionario, l’Italia veniva dalla vittoria di un Europeo che aveva rilanciato il movimento, almeno all’apparenza, e da una lunga serie di risultati positivi con cui era salita fino al quinto posto nel ranking mondiale.

Inoltre l’eliminazione dell’Italia da Qatar 2022 ci costerà carissima, e non solo sportivamente, ma anche economicamente. Il solo presentarsi al fischio d’inizio avrebbe portato nelle casse della FIGC diversi milioni di Euro, che sarebbero aumentati ad ogni qualificazione successiva fino a toccare quota 64 milioni in caso di successo finale. Oltre a questo, in un momento di crisi economica come quello che stiamo vivendo, c’è da registrare che tra sponsorizzazioni mancate e diritti tv la perdita toccherà cifre da capogiro. 

Nella lunga storia della Nazionale italiana, solo altre tre volte abbiamo assistito al Mondiale senza giocarlo: nel 1930 in Uruguay non si giocarono le qualificazioni perché era un torneo organizzato ad invito. Non andammo perché servivano almeno due mesi di viaggio transoceanico in nave. Nel 1958, invece, fummo eliminati in modo clamoroso, dove sarebbe stato sufficiente anche un solo pareggio, e invece la Nazionale perse 2 a 1 e addio torneo in Svezia. Nel 2018, ancora brucia, non riuscimmo a qualificarci per i Mondiali in Russia.Oggi, quattro anni dopo, la storia si ripete e l’Italia è fuori dai Mondiali Qatar 2022.

Di nuovo.

Back to top button
GDPR Cookie Consent with Real Cookie Banner